IL BUSO

Il buso

Pier Maria Scotti, conte di Vigoleno e di Carpaneto, detto il Buso per la sua velocità nell’infilzar di spada chi gli sbarrava il passo, visse a Piacenza nei primi anni del Cinquecento.

Scomunicato e messo al bando dalla città per le sue malefatte, così lo descrisse un cronista suo contemporaneo: «Homo in far male molto accorto…».

In questo volume l’autore, seguendo le tracce lasciateci dalle cronache dell’epoca, che introducono ogni capitolo del libro, ripercorre la storia autentica del feroce e ambizioso conte di Vigoleno.

Di ritorno dalle Americhe, il buso si circonda di masnadieri, falsari, malfattori, capitani di ventura, spie, femmine di pochi scrupoli e personaggi della peggior risma: con loro mette a ferro e fuoco l’intera provincia e, in combutta con il principe romano Prospero Colonna, trama per impadronirsi di Piacenza.

Sullo sfondo delle imprese del conte di Vigoleno, la tragedia delle «Guerre d’Italia» del XVI secolo, e le contese fra guelfi, ghibellini, francesi, spagnoli e pontifici; tutti impegnati in una lotta spietata mentre la nostra sfortunata penisola sprofonda sotto il dominio delle potenze straniere, un dominio che l’avrebbe ridotta in schiavitù per oltre tre secoli.

“Aspettando la Rivoluzione – 50 anni fa a Piacenza” raccoglie i contributi di Giacomo Ercoli, Augusto Gughi Vegezzi, Adriano Corsi, Gianni D’Amo e Pierluigi Bersani e la loro visione di una rivoluzione sociale incombente. Un’opera che ricorda una lotta e un impegno ormai sconosciuti, trasportati ai “millennials” dalle lettere di Mauro Sbuttoni, Diego Maj e … Leggi tutto “Aspettando la Rivoluzione. 50 anni fa a Piacenza.”